Seminario per la tutela dei minori: l’1 e il 2 dicembre a Mondragone

By Diocesi di Sessa Aurunca
In News
Nov 21st, 2018
0 Comments
218 Views

L’Ufficio Caritas e la Consulta della Pastorale familiare organizzano un seminario formativo “Il diritto di essere minori. #responsabilità #attualità #progetti #sogni” per la tutela dei minori. L’appuntamento è previsto per l’1 e il 2 dicembre 2018, ore 16:00, presso il Salone San Rufino in Mondragone. Interverranno:

Don Ferdinando Iannotta e Don Osvaldo Morelli, Moderatori

SALUTI ISTITUZIONALI

Mons. Orazio Francesco Piazza, Vescovo di Sessa Aurunca

APERTURA LAVORI

Prof. Giuseppe Scialla, Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Campania

Relaziona

Dott.ssa Carmela Grimaldi, Avv. Diby Billi

 

L’ufficio diocesano Caritas e  la Consulta per la pastorale Familiare  propongono una formazione di due giorni (1 e 2 dicembre p.v.) alla presenza dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza (Agia) della Regione Campania e del suo staff.

Sarà infatti presente il Prof. Giuseppe Scialla, garante dell’Infanzia e adolescenza, relatori la Dott.ssa Carmela Grimaldi e l’Avv. Diby Billi.

Moderano i Vicari episcopali don F. Iannotta e don O. Morelli, alla presenza del nostro Vescovo S. E. R. Orazio Francesco Piazza.

Sabato 1  e domenica 2 dicembre alle ore 16 nel salone parrocchiale di San Rufino, Mondragone (V.le Margherita, 177). 

IL DIRITTO DI ESSERE MINORI#responsabilità #attualità #progetti #sogni

Il momento formativo è volto a spiegare la realtà del fenomeno dei minori non accompagnati, il percorso, giuridico e sociale, di avvicinamento alla soluzione del tutor volontario, la bellezza della genitorialità positiva, le diverse ma parallele modalità di approccio alla genitorialità biologica e sociale e l’importanza di mettersi in gioco gratuitamente.

di seguito il link alla notizia su: www.garanteinfanzia.org

“In Italia, oggi, perché si possa dire che i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza siano tutelati occorre che siano garantite pari opportunità a tutti, a prescindere dalla nascita e dal luogo di vita. C’è bisogno di prendersi carico delle situazioni di maggiore fragilità e vulnerabilità: figli di coppie che si separano, bambini con disagio, bambini lasciati soli e che trovano rifugio nella Rete”. (Giornata Mondiale dell’infanzia 2018)