“Siamo al vostro fianco”: il Vescovo consegna i ventilatori al San Rocco. Gratitudine e riconoscenza ad associazioni e cittadini per il sostegno

By Diocesi di Sessa Aurunca
In News
Apr 7th, 2020
0 Comments
724 Views

È avvenuta martedì 7 aprile, la consegna dei due ventilatori polmonari per la terapia intensiva acquistati dalla Diocesi di Sessa Aurunca e donati all’Ospedale San Rocco.

Un gesto, frutto di un grande lavoro di rete, nato su impulso del Vescovo Orazio Francesco Piazza e coordinato dalla Caritas diocesana diretta da Don Osvaldo Morelli, al quale hanno contribuito l’Associazione ‘Medici Cattolici’, associazioni ecclesiali ma anche associazioni di promozione culturale e sociale del territorio oltre ai tantissimi cittadini.

“Questo è solo uno dei tanti gesti di attenzione concreta che l’intero Territorio riserva all’Ospedale S. Rocco di Sessa Aurunca – spiega il Vescovo S. Ecc.za Mons. Orazio Francesco Piazza – È infatti costante la vicinanza della Diocesi, delle Associazioni, dei Cittadini verso una realtà, professionalmente qualificata in ogni sua componente, che con dedizione si impegna alla ordinaria e straordinaria tutela della salute di tutti. Questi segni di gratitudine, verso l’azione quotidiana di operatori sanitari e di volontari, sono espressione di riconoscenza e sostegno, per alleviare un compito che non solo risponda all’emergenza, ma che sappia mantenere uno standard alto nelle ordinarie necessità. Proprio nei momenti più difficili deve emergere la qualità di una Comunità. Devo dire grazie alla Caritas Diocesana che subito si è messa all’opera nel consentire una raccolta solidale che ha trovato risposta generosa in Associazioni ecclesiali, sociali e culturali di vario genere, Aziende, privati Cittadini. Si era partiti per un Ventilatore polmonare, ne sono arrivati due; si procede per la fornitura di mascherine protettive e di altre attrezzature che possano agevolare questo delicato servizio alla salute dei cittadini.

Chi lavora nella Tenda Pre-Triage può farlo, ora, in condizioni più accettabili con il condizionatore che garantisce un clima interno adatto alle necessità. Ma non si ferma qui l’azione solidale che, non è cedere il superfluo ma una parte del proprio necessario, in quanto si procede alla fornitura di altri strumenti di ausilio per i malati, anche nelle altre patologie che sono motivo di ricovero e di intervento medico mirato. Devo sottolineare la preziosa azione condivisa con il Dott. Moretta, Direttore Sanitario, e dei Medici Cattolici che non fanno mancare una ulteriore dedizione in questi momenti di comune necessità. Devo anche esprimere gratitudine perché con questa raccolta si sono forniti termometri a distanza per il controllo della salute delle persone nel Carcere di Carinola. La Caritas e il Consultorio, in stretta collaborazione con le Istituzioni, stanno garantendo supporto psicologico alle famiglie, distribuzione di beni alimentari, farmaceutici, abiti. Nel deserto della prova spuntano germogli di vita e di fraternità”.

#chiciseparera